07/03/2015 – Etna skialp

L’idea di poter conciliare Mare e Montagna è una cosa che ci ha sempre affascinato, sprattutto se per “montagna” si intende “scialpinismo”. Un bel giorno parte l’idea di andare in Sicilia ad inerpicarci sul vulcano piu alto d’Europa, l’Etna.

scialpinismo etna sicilia michele gusmini longhi giacomo lorenzo tagliabue marco ballerini mountainspace climb camp dynastar marvi sport rifugio sapienza funivie lava gopro racer (41)

Partiamo con un volo Ryanair da Bergamo, volando fino a Catania. Noleggiamo un furgone economico, utile agli spostamenti, e scegliamo come base logistica la bellissima città di Taormina. Pianificata la salita, scegliamo di percorrere in questo breve ponte il classico itinerario che parte dal Rifugio Sapienza, causa meteo variabile.

Partiti dal parcheggio del rifugio, guadagnamo velocemente quota, lasciandoci alle spalle il comprensorio sciistico ed incolonnandoci alla lunga fila di persone che con l’ausilio degli impianti ha evitato i primi 600m di dislivello; percorsa la lunga distesa lavica a monte delle piste da sci, raggiungiamo la parte piú “lunare” della salita, proprio dove in quei giorni era appena terminata una lunga eruzione, che ha lasciato sotto di se una tagliente colata articolata che ci ha obbligato ad effettuare uncentinaio di metri senza sci.

Ricalzati gli sci, attacchiamo la conoide finale che accompagna velocemente verso la bocca del cratere principale, nel bel mezzo di Zolfo e Gas; vista mozzafiato al di sopra delle nuvole.

Durante il rientro, gironzolando qua e la attorno al vulcano, capitiamo in un ristorante tipico di Bronte dove ci godiamo un’abbondantissimo pranzo completo di prelibatezze Siciliane.

Un sentito grazie all’amico locale Polifemo per le varie spiegazioni sugli itinerari presenti nella zona

  • Partecipanti: Jack, Gus, Balle, Lollo
  • Altitudine min: 1900m ca.
  • Altitudine max: 3240m ca. (altezza variabile per via delle eruzioni)
  • Dislivello: 1600m ca.
  • Difficoltà: BS
  • Esposizione: Varia