29/11/2014 – Piz Morteratsch – via Zippert

In un weekend di tempo incerto ovunque, proprio quel tempo incerto che ti fa passare la fantasia, non resta altro che tirare ad indovinare facendo la conta tra le 3 uniche località dove preannunciano qualche possibile occhiata di sereno; scegliamo istintivamente l’engadina, alla volta di una via sognata per anni, al centro della parete est del piz Morteratsch: questa parete nasconde linee alpinistiche storiche, poco percorse, tra cui la via Zippert, che costeggia nella sua parte iniziale il minaccioso seracco pensile, portandosi via via in quota, dapprima lungo il “dorso” del sottostante ghiacciaio, poi lungo la parete vera e propria, che accompagna via via verso la cima.

Piz morteratsch via zippert sci boval tschierva mountainspace giacomo longhi marco ballerini scialpinismo engadina bernina valentino cividini spraunza  (1) tracciaPartiti di buon ora dal comasco, ci incontriamo col vale e ci fiondiamo verso la dogana di Chiavenna, dove ci attende un fermo di un ora per mancata revisione dell’auto… riusciamo a non spazientirci e a recuperare un po di tempo salendo verso la stazione ferroviaria Morteratsch. Ultimi preparativi e via verso il lungo avvicinamento morenico verso la Chamanna Boval, rifugio d’appoggio che offre un’eventuale bivacco invernale per spezare in due giorni la salita; proseguiamo attraverso i pendii che conducono alla base dell’effimero ghiacciaio sospeso, un insieme di seracchi in bilico sopra le nostre teste, tratto da affrontare in giornate fredde invernali. A sorpresa troviamo formate diverse colate laterali che rendono la salita piu divertente.

Riprendiamo velocemente il canale nevoso, fino a sbucare sul pianoro mediano, ricalziamo gli sci e raggiungiamo le terminali. L’ultima parte si affronta attaccando centralmente il pendio senza linea obbligata, evitando con degli zigzag le fascie rocciose piu pronunciate, con uscita diretta sotto la vetta dove le pendenze si abbattono completamente sino alla cima. Discesa lungo la via normale tornando alla Chamanna Boval o verso la val Roseg.

  • Dislivello: 1850m ca.
  • Altitudine min: 1895m ca.
  • Altitudine max: 3751m
  • Rifugio d’appoggio: Chamanna Boval 2495m
  • Difficoltà: TD- (80°/85°)