01-02/08/2012 – Cervino – Cresta del Leone

Questa splendida montagna non è solo alpinisticamente bella, tutta la storia che porta con se, la si avverte sempre di piu man mano ci si avvicina alla vetta; e l’emozione non arriva solo per la conquista della cima, ma ad ogni appiglio si ripercorrono passi importanti fatti tempi orsono dai grandi pionieri dell’alpinismo.

Partendo da Cervinia con l’ultima corsa per Plan Maison, ha inizio l’avventura: raggiunto il bivacco Carrel a sera inoltrata, ci rifocilliamo con una minestra e qualche ora di sonno; la mattina seguente partenza di buon ora per cercare di superare tutte le guide e tutti quegli “ostacoli” che toglierebbero tempo nella salita (e nella discesa)…

La salita è molto veloce e logica, lungo un itinerario aereo e panoramico al 100%, qualche passaggio in cresta su neve, molteplici risalti rocciosi da superare con l’aiuto dei “canaponi” ed al pic Tyndall comincia a far capolino la vetta, raggiunta poche ore dopo poco prima delle ore 11.00.

Discesa infinita causa l’articolata forma delle creste che incastrano spesso le corde, a diverse cordate, con successivo ritardo nel rientro. Lungo la discesa verso Cervinia, ormai in orario serale, ci sorprende una bella serie di temporali seguiti da vento gelido……per colmare il tutto ci stava pure un bel bivacco al passo del leone (3600 m ca) sotto la neve, per poi ridiscendere fradici la mattina seguente, accolti al rifugio Oriondè da una abbondante colazione, e successivamente da una bella birra ghiacciata a Cervinia.

  • Altitudine max: 4478 m
  • Altitudine min: 2050 m (Cervinia)
  • Dislivello: 1300 + 750 (2100 m ca.)
  • Rifugi d’appoggio: Bivacco Carrel e rif. Oriondè
  • Esposizione: Sud-Ovest
  • Difficoltà: D+/III+ 45°
  • Partecipanti: io, ste, titti, teo abiendi

Sotto la maestosa Becca alla partenza della salita

carrozzabile verso il rifugio Oriondè

la croce Tyndall

Panorama su Plain Maison e la vallata

titti alla fine del primo canale dell’avvicinamento

il traverso sul nevaio prima del colle del leone

sotto la testa del leone, alle spalle Plain maison

al passo del Leone

Ste ai primi canaponi sotto al Carrel

facili passaggi in arrampicata tra un canapone e l’altro

sotto al bivacco

il bivacco Carrel

arrivo al bivacco già affollato

targhe fuori dal rifugio

il bivacco

ultime luci sulla Dent d’Heren

Panoramica dalla terrazza del rifugio

Il gruppo del divano….dov’e andato ste???

panoramica al tramonto

lo chef offre “minestrone di legumi”

ste in cresta dopo i primi 250 metri sopra in Carrel

titti in cresta verso il Pic Tyndall

passi di misto per raggiungere la parte nevosa in cresta

il Pic tyndall

ripartenza verso la parte finale

teo sul tratto finale di misto

ste sulla famosa scala jordan

…a pochi metri dalla vetta…

finamlente in vetta!!! emozione alle stelle

la croce di vetta

foto ricordo inguardabile…e giu di nuovo a valle

ste in discesa al Pic Tyndall, soddisfazione alle stelle

nebbia sul versante italiano

la cresta dopo il Tyndall

in discesa verso la parte iniziale

e giu calate!! e intanto sale sempre di piu il maltempo

raggiunto di nuovo la Carrel

discesa la mattina seguente verso il rifugio Oriondè

stambecchi lungo la discesa

altri stambecchi lungo la vallata

di ritorno dalla magnifica salita

finalmente il fondovalle

Una delle montagne piu ricche di storia delle Alpi

under construction – a breve saranno pubblicati tutti i contenuti