26/04 – 01/05 – Sardegna Climb

Aprile/Maggio 2012 – Viaggio di 6 giorni tra le mete d’arrampicata piu caratteristiche della sardegna, passando dalla costa all’entroterra;

Sosta iniziale a Cala Gonone, arrampicando dapprima alla “Poltrona”, e alle falesie sul mare di cala Fuili; il giorno seguente ci spostiamo nell’entroterra, in direzione di Punta Cusidore per lo spigolo nord-ovest, una bellissima parete calcarea di 620 m di lunghezza, per il totale di 17 tiri tra il 4 e il 5+, con panorama finale che arriva fino alla costa, e scorci naturali brulli tipici degli altipiani sardi.

Terza giornata passata qua e la alla ricerca dell’asciutto, colti da una continua pioggia fine e fitta, che ha reso impraticabili buona parte delle falesie, causa anche del mare grosso. Effettuato qualche tiro in grotta nel canyon di cala Fuili.

Quarta e quinta giornata trascorsa a cala Goloritze, nei pressi della località Golgo, dove abbiamo campeggiato vicino ad una locanda (cinghiali e zecche a volontà); Ovviamente non poteva mancare l’appuntamento con la caratteristica “Aguglia”, monolite calcareo affacciato sulla cala omonima, con gradi di difficoltà abbastanza sostenuti: una cordata su “Sole incantatore” ed una su “Sinfonia dei mulini a vento”; ritrovo in vetta sull’uscita in comune della via, con grandissima soddisfazione e panorama unico.

GIRO INIZIALE A PISA

il canale che attraversa la città

il duomo e il suo curatissimo prato

la bellissima torre pendente

CALA FUILI – CALA GONONE

Cala Fuili

in discesa alla cala

sulle falesie sul mare

teo e balle su un tiro in grotta

colo impegnato su un tiro alla falesia sul mare

all’interno del canyon

sempre all’interno del lungo canyon

una delle numerose falesie lungo la gola di cala Fuili

La nostra stazione logistica

una foto al mare limpido della cala

LA FALESIA DELLA “POLTRONA”

l’anfiteatro visto dal basso

colo alla base della prima via

sulla prima via a piu tiri

PUNTA CUSIDORE – L’ENTROTERRA SARDO

la montagna vista dal basso

salendo all’attacco della via

Balle su un tiro a metà via

verso la parte finale

uscita in vetta

teo in vetta

in vetta

la vista che si gode dalla cima

sotto la cresta

le cime circostanti in un ambiente arido e roccioso

discesa a valle

un albero particolare del luogo

albero solitario spogliato dal vento

boulder nella piana di Cusidore

teo sullo stesso sasso

particolare fiore che è solito crescere su queste cime

la cresta vista dal basso

CALA GOLORITZE – AGUGLIA

Campo base l’agriturismo “Su Porteddu”

Zecca, la mascotte delle giornate a Goloritzè

discesa alla cala

la vallata che scende verso il mare

Aguglia di Goloritzè, è da una settimana che si aspettava questo momento

…”momenti fotografici”…

…e di relax…

Zecca ci ha seguito fino alla cala

uno ultimo sguardo alla guida….e via..

Colo sul primo tiro

sui tiri successivi

teo ad un terzo della via

colo sulle lisce placche in uscita dai tiri sommitali

“il verme”

sugli ultimi tiri

uscita in vetta

arrivo in vetta anche per teo

conquistata la cima!!!

la soddisfazione enorme … guardando il mare

balle e colo raggiungono a breve la vetta

calate lungo la via

meritato bagno nella particolare acqua dolce della cala

il classico arco di Goloritzè

l’Aguglia in tutto il suo splendore

risalita a monte, lasciandoci alle spalle la meravigliosa cala

un ultimo saluto all’Aguglia che sbuca tra le fronde

…ARIA DI SARDEGNA…

relax in spiaggia

Lago nell’entroterra sardo

vista panoramica su un paesino nell’entroterra

di tanto in tanto qualche bel cinghiale

e qualche colorato fiore della zona

soddisfazione serale dopo una bella abbuffata

Gabbiani in volo – rientro al porto di Olbia

caratteristico faro appena fuori dal porto di Olbia…fine della vacanza..